Rubrica: LETTURE CONSIGLIATE

La democrazia trasformata} (Bruno Mondadori, Milano, 2007)

NUOVA POLIARCHIA NELLA DIREZIONE ECONOMICA MONDIALE

Giulio Sapelli ne enuncia caratteri e dimensioni.
lunedì 3 marzo 2008

Argomenti: Economia e Finanza
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Giulio Sapelli

Studioso dell’economia, Giulio Sapelli offre – in La democrazia trasformata (Bruno Mondadori, Milano, 2007) – un quadro aggiornato di come le trasformazioni degli ultimi due decenni abbiano modificato il senso e le funzioni della stessa rappresentanza politica e sociale.

Il nuovo capitalismo – di cui l’autore traccia i cenni significativi in rapporto alle nuove configurazioni assunte a livello di globalizzazione mondiale – presenta una condizione che pu˛ condurre a concentrazioni d’imprese e “privatizzazioni” senza liberalizzazioni, con il rischio di provocare pericolosi dualismi nel mercato, impedendo di cogliere le opportunitÓ aperte dalla stessa globalizzazione. In questa cornice allora vanno riproposti i termini giuridici e gestionali dell’impresa: infatti tendono ad affermarsi gruppi finanziari con caratteri patrimoniali da un lato ed una organizzazione a rete, quale conseguenza di cambiamenti tecnologici attraverso i quali muta la stessa forma poliarchica di governo della societÓ.

╚ in corso – scrive Sapelli – un processo di direzione manageriale che accelera la trasformazione funzionale dei gruppi chiamati a “internalizzare” procedure e strategie economiche verso meccanismi di sviluppo implicanti nuove forme di autoritÓ decisoria. Vengono quindi citati esempi di eventi sistemici rilevati al riguardo dagli Stati Uniti al Giappone e che spingono, nei tempi lunghi, ad una integrazione economico-politica alla ricerca di un equilibrio avanzato: una vera e propria nuova legittimazione dell’impresa. Gli assetti realizzati nell’ultimo ventennio evidenziano – afferma l’autore – un “neocorporativismo pluricefalo” sopranazionale, i cui effetti non possono essere trascurati.

Cosý muovendo da Baran e Swezy, attraverso lo studio sia delle teorie che delle pratiche invalse, si perviene all’inveramento di una nuova nozione di cittadinanza, secondo la definizione di Cesare Pinelli, considerazioni – aggiungiamo – che hanno trovato conferma anche nelle intuizioni di Guarino circa la nuova governance mondiale. “Ripensare” allora la poliarchia in un “governo organico del mercato” rappresenta la strada per dar vita a un grande progetto istituzionale capace di costruire una democrazia degli interessi attraverso una rappresentanza funzionale prestatale, al di lÓ della rappresentanza territoriale, definita da Sapelli “inferma”. ╚ un cammino verso una “sovranitÓ funzionale” di cui vengono indicati caratteri e impronte. Una visione che tende a privilegiare una “divisione dei poteri” nella struttura di rappresentanza degli interessi economici. Ne emerge quindi una individuazione di tendenze in atto, e dalle quali Sapelli intravede l’affermarsi di una societÓ poliarchica democratica. Come si vede, un’analisi approfondita che conclude con una interpretazione foriera di originali sviluppi.



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore