Rubrica: EDITORIALI

LA CAUSA DELLA PROGRESSIVA POVERTA’ IN ITALIA?

lunedì 4 settembre 2017

Argomenti: Economia e Finanza
Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Politica

ELEMENTARE… WATSON

Molti di noi considerano la comparsa dell’euro come prima causa della decadenza economica del nostro Paese e vorrebbero che l’Italia uscisse da questa moneta per poter risanare l’enorme deficit pubblico e privato.

A mio modesto avviso, non andata proprio cos: non stato l’Euro in s a determinare il crollo delle economia specie per le classi medie e le pi abbienti, ma l’assoluta mancanza di controllo, da parte del governo, dei prezzi che, nel migliore dei casi, raddoppiavano a vista d’occhio, a discrezione dei commercianti, dei locatori, delle banche, delle compagnie petrolifere, di tutti i consumi, insomma, cui impossibile rinunciare per sopravvivere.

Qualche esempio pratico?

JPEG - 18.2 Kb
COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO
La mensa per i non abbienti (i poveri)

Un impiegato o un pensionato che percepiva 3 milioni di lire di stipendio o di pensione dal 1 gennaio 2002 (quando la circolazione monetaria ebbe effettivamente inizio) si trovato a disporre di poco meno di 1500 euro, mentre i prezzi delle merci e dei servizi molto rapidamente venivano arrotondamenti arbitrariamente a 1 euro per 1000 lire.

In pratica chi pagava 800.000 lire di affitto, si stato costretto a pagare 800 euro di affitto (1 milione e seicentomila lire) sul suo introito di 1500 euro (tre milioni di lire).

Se 1 bottiglia di acqua minerale costava 50 lire, con il mancato controllo dei prezzi, automaticamente passata a costare 50 centesimi di euro corrispondenti a 1000 vecchie lire…

Se un chilo di pane poteva costare 400 lire, ora costa 2 euro e 50, cio 5000 vecchie lire!

E potrei continuare all’infinito..

Comunque, il mancato controllo dei prezzi, pur avendo favorito, in un primo momento, commercianti, liberi professionisti, ristoratori ecc. ecc. ha causato, in seguito, una grande diminuzione dei consumi, costringendo, di conseguenza, parecchi esercizi pubblici a chiudere i battenti, a favore di grandi catene di distribuzione che sono aumentate a dismisura…

JPEG - 36.6 Kb
NEGOZI CHIUSI PER CESSATA ATTIVITA’

Il tutto sulla pelle di chi si visto raddoppiare, se non triplicare, le spese del mnage quotidiano ed stato costretto a lasciare la propria abitazione, a ridurre all’osso le spese di ordinaria sopravvivenza, a scapito, di conseguenza, di una serena convivenza familiare, delle cure mediche, dell’educazione dei figli e cos via.

Sarebbe bastato effettuare un controllo capillare sul commercio e non permettere un abuso continuato sui consumatori e, soprattutto, su chi vive soltanto di stipendio o di pensione, applicando i semplici provvedimenti che Ciampi aveva raccomandato e che non sono stati adottati dal governo Berlusconi allora in carica.

Anche ora, pur con un leggero ridimensionamento dei prezzi, la sopravvivenza per molti impossibile e si ricorre sempre pi a prestiti bancari e privati, spesso con altissimi interessi che rendono ancora pi difficile arrivare alla fine del mese.

A questo punto, non servir, come dice il proverbio, “chiudere la stalla, dopo che i buoi sono fuggiti”, ma ci si augura che, con il senno di poi, si evitino ulteriori drammatici errori.



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore